LA PACE COMINCIA DAI BAMBINI – Pino Pellegrino

LA PACE COMINCIA DAI BAMBINI – Pino Pellegrino

pace bambini

LA PACE COMINCIA DAI BAMBINI – Pino Pellegrino

recensione di Serena Savarelli

rubrica IO MI CURO CON UN LIBRO

pace bambini

 

La pace comincia dai bambini è un libro Pino Pellegrino edito nel 2003 da Mario Astegiano Editore.

Per la rubrica “Io mi curo con un libro” oggi vorrei parlare di pace.
L’etimologia di questa parola si ricollega alla radice sanscrita pak- o pag-, cioè fissare, pattuire, legare, unire, saldare; in latino pax = pace. È un sostantivo dal quale ne derivano molte altri, per esempio: tregua, armistizio, accordo, intesa, armonia, unione, concordia, calma, serenità, tranquillità, quiete, riposo…
Attualmente, l’essere umano sembra anelare pace: dentro sé stesso e al di fuori. In molti dibattiti è stato affermato che tutti possono essere artigiani di pace.

Qualcuno, come lo scrittore Pino Pellegrino, ha affermato che la pace deve essere insegnata fin dai primissimi anni di vita, perché un
bambino, in pace oggi, sarà un uomo di pace domani.

Sono parole forti e l’autore è consapevole che i bambini sono il terreno più fertile, nel quale poter coltivare i giusti valori, quelli indispensabili per un mondo migliore.

Mi sono state regalate queste quaranta pagine mentre aspettavo mio figlio.

L’autore, Pino Pellegrino, non definisce La pace comincia dai bambini un libro, ma un opuscolo. Io, invece, lo considero un concentrato di riflessioni per comprendere che si possono percorrere due vie per educare alla pace.

La prima, prepara il terreno adatto, dove il bambino sarà in pace con la pace; la seconda, ha lo scopo di offrire al piccolo idee, parole e gesti che sostengono il concetto di pace.

“Chi sente, fin dai primi giorni della sua esistenza, d’essere approdato in un mondo in cui ci si può

fidare, in un mondo in cui si è accolti, accetta la vita, accetta sé stesso.”

Il terreno della pace, per Pino Pellegrino, è un suolo perfetto. Lì, chiunque si sente in armonia con sé stesso, lo sarà anche con gli altri, perché la pace del cuore è il cuore della pace.

Ogni volta che:
 incoraggiamo un bambino,
 che lo aiutiamo ad amare sé stesso,
 che gli facciamo vivere la pace in famiglia,
 che aumentiamo la sua autostima,
 che lo aiutiamo a comprendere che nelle difficoltà o nei contrasti è possibile riconciliarsi,
 che servono regole e ordine per non perdersi nelle pretese e nell’insicurezza,
 che lo facciamo vivere in un contesto gioioso, dove tutti ridono e allegramente affrontano la quotidianità e in un ambiente dove sperimenta l’amore,
noi adulti avremo contribuito a rendere fertile un terreno, poi, facilmente arabile, dove coltivare la pace.

Come si semina la pace?

“Si semina la pace cominciando col disarmare i cervelli.”

Trasmettere pensieri di pace, porta il bambino a crescere con dei valori precisi e consapevoli che i missili non sparano da soli… Un genitore che, costantemente, instilla parole pacifiche e concetti armonici nella quotidianità del figlio, educa alla pace intellettuale, fondamenta di ogni tipo di pace
esistente.

L’adulto deve ricordare che ci sono parole terribili che scavano nell’animo del bambino e lo incitano, inconsapevolmente, a percorsi disarmonici. Il linguaggio di oggi è davvero troppo violento, quindi anche questo va disarmato, dopo il cervello.

“Chi semina cortesia ingentilisce il mondo e lo riveste di pace.”

Dopo i pensieri e le parole, arrivano i gesti di pace. Il primo in assoluto è non mettere in ridicolo il bambino, perché questo comporta una risposta aggressiva. Ironizzare, deridere, ridicolizzare equivale a inaridire il terreno che diventa subito infertile. Con il bambino bisogna ridere insieme e mai ridere di lui!

“L’urlo eccita, indispettisce, ferisce. È come una scheggia che penetra nella mente e nel cuore… È l’allegra danza delle acque che smussa gli angoli delle pietre e le leviga. È il tono lieve che addolcisce gli animi e li pacifica.”

Nel mondo di oggi, invece, siamo ascoltati solo se alziamo la voce. Questa non è la corretta comunicazione che promuove una sana relazione, bensì un meccanismo che amplifica l’aggressività.

Ci sono altri gesti di pace importanti: rispettare tutto e tutti, cominciando a insegnare al bambino che un fiore nel prato è vivo e se lo strappo gli tolgo la vita o che se sbatto la porta posso dare fastidio agli altri oltre che a rischiare di romperla; abolire le armi giocattolo e tutti quei giochi che
istigano alla violenza; insegnare il perdono.

“Proprio il perdono può diventare l’idea più sovversiva che gli uomini possono escogitare per sopravvivere.”

Ma un gesto di pace è anche il dialogo, il parlare umilmente e reciprocamente. Il dialogo vince sulla forza e produce la pace. Intorno al tavolo di cucina c’è il terreno più fertile per seminare la pace: parlare con i propri figli e non confonderli con la televisione.

In La Pace comincia dai bambini di Piero Pellegrino, il lettore riflette insieme a lui e, come adulto, può ripercorrere gli errori, eventualmente, commessi con i propri figli o improntare un nuovo modo di divenire relazionandosi con loro.

Alla fine dell’opuscolo, la lettura viene arricchita con poesie, leggende e filastrocche sulla pace che il genitore può condividere con il proprio figlio.
Questa è una strategia che insegna che la pace si regge anche sulle parole: quelle buone, che abbracciano e non feriscono mai.
La Pace comincia dai bambini di Piero Pellegrino è un minuscolo libro per grandi e piccini, un memorandum per non dimenticare che essere genitori significa diventare guide coerenti e costanti fin dai primi istanti di vita dei propri figli; loro saranno gli uomini e le donne di domani e, se arati e seminati bene, contribuiranno a rendere il mondo migliore e più pacifico.

Link d’acquisto

https://www.amazon.it/pace-comincia-i-bambini/dp/888445056X

SINOSSI

È possibile insegnare la pace, educare alla pace fin dai primissimi anni di vita.

Non solo è possibile, ma doveroso: un bambino in pace, oggi, sarà un uomo di pace domani. Ed allora sarà grande, molto più grande di un uomo solamente ricco o istruito. Anche un opuscolo come questo può contribuire a far toccare tale grandezza.

Titolo: La Pace comincia dai bambini
Autore: Pino Pellegrino
Ezione: Mario Astegiano Editore, 2003

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 − 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.