Frammenti di luce di Elvira Rossi

Voce all’emozione

Recensione di Maria Cristina Sferra

Frammenti di luce

Frammenti di luce è una silloge di poesie di Elvira Rossi, edita da Officina Milena nel 2021.

Di cosa tratta Frammenti di luce?

Le sette sezioni che formano la raccolta Frammenti di luce sono stanze tematiche di un appartamento interiore, sulla soglia delle quali l’autrice accoglie il lettore e presenta il contenuto.

Alcune stanze sono piccole, come ad esempio ‘Il silenzio della parola’, altre molto grandi, come ad esempio ‘La natura e i paesaggi dell’anima’, e in ciascuna Elvira Rossi ha raccolto sensazioni, pensieri, mancanze, immagini, per farne dono a chi vorrà entrare a esplorarle.

“Chi passa di notte nel vicolo stretto

di sogni spezzati scorge le ombre

fiori appassiti e mai seppelliti

ode la musica di spenti violini.”

(da ‘Vicolo della Bovetta’)

La sua casa-raccolta è una costruzione di parole, un luogo dove le poesie sono sistemate per essere lette con calma nella loro pienezza di significato.

Componimenti che sono frutto di sguardo attento, capacità di ascolto, padronanza della forma e profonda onestà intellettuale.
“Germoglia una stella nella notte bruna

a passi silenziosi varca la soglia.

Illumina incerta la radura spoglia.

Solitaria sparpaglia frammenti di luce

sui solchi tracciati da uomini stanchi.”

(da ‘Frammenti di luce’)

L’autrice sembra quasi prendere la distanza da ciò che racchiude nelle sue composizioni, in una sorta di tensione a rendere oggettivi e quindi universali i suoi versi.

Lei guarda e scrive come se stesse scattando fotografie tradotte in parole.

Ne scaturisce una poesia descrittiva, scevra di inganno e giudizio.

“Il treno sul binario

mi ha atteso

aveva porte spalancate

per inghiottirmi in fretta

e poi vomitarmi lontano

nella terra di nessuno

senza nessuno

in compagnia di nessuno.”

(‘Il treno sul binario’)

Perché leggere Frammenti di luce?

Elvira Rossi utilizza immagini realistiche e le racchiude in fotogrammi concatenati l’uno all’altro in accurate sequenze quasi cinematografiche dove il messaggio a tratti resta sottinteso e va ricercato attraverso una chiave di lettura più sottile.

Come se si trattasse di un invito al lettore a soffermarsi dapprima a guardare, quindi a indagare e riflettere.

“Il timoniere avvista la costa

al pontile vuole attraccare.

Infido un mostro gli ormeggi

con tono beffardo recide.

La barca vaga alla deriva.

Leste si spengono le stelle

nel cielo scuro e taciturno.”

(‘Si spengono le stelle’)

La scrittura poetica di Elvira Rossi, qualsiasi sia il tema trattato, è pervasa da una lieve malinconia, mentre l’astrazione della solitudine che toglie la speranza appare tra le parole, che mutano d’intensità per diventare più audaci solo nel momento in cui si sollevano in difesa dei diritti dei più sfortunati e delle donne.

“Nell’eco del mare

un singhiozzo sommesso di madre.

Nel respiro del vento

cantilene danzanti di poveri bimbi,

piedini nudi saltellanti nella polvere

al ritmo mesto di tamburi africani.”

(da ‘Passeggiando sul molo’)

La poetessa è consapevole della forza che può avere una voce sincera quando si alza al di sopra delle brutture dell’esistenza.

Ed è a quella forza che lega le sue poesie più intense, come fossero insieme grido viscerale e accorata preghiera.

“Squarceremo l’incomprensibile,

dissolveremo l’enigma della parola

nel gelido frastuono dell’indifferenza.

Di silenzio si muore

nel silenzio ci si smarrisce

nel silenzio ci si confonde

nel silenzio ci si dispera.”

(da ‘Ribellione’)

Poi cambia la stanza, muta il tema di fondo e tra le righe si rivela la dolcezza mai arrendevole mista alla consapevolezza di una donna che ha molto vissuto e che molto conosce.

Elvira Rossi stupisce per la capacità di saper vedere al di là dell’apparenza, mentre offre con garbo al lettore il suo sguardo tradotto in versi, i suoi Frammenti di luce che sanno illuminare a giorno gli angoli bui dell’animo umano e del mondo in cui viviamo.

 

I diritti della vendita del ibro saranno devoluti all’associazione culturale Cultura al Femminile.

 Link d’acquisto

https://www.ibs.it/frammenti-di-luce-libro-elvira-rossi/e/9788832101775

Sinossi

Frammenti di luce è una silloge di cinquantaquattro componimenti raggruppati per tematiche, che segnano le tappe di un percorso esistenziale nel quale la parola diventa poesia per esprimere e lenire il malessere originato dalla incomunicabilità, dalla solitudine, dalla intolleranza.

Un bisogno insoddisfatto di condivisione si riflette nella Natura sempre più violata, che partecipa alla sofferenza dell’uomo, lo accoglie e lo conforta.

Il mare è un tema ricorrente che, oltre a esprimere una predilezione dell’autrice per questo ambiente, si carica di valori simbolici.

Diventa specchio dell’esistenza, elemento che unisce e che divide, rappresentazione di calma e irrequietezza, custode del mistero imperscrutabile della vita.

Titolo: Frammenti di luce
Autore: Elvira Rossi
Editore: Officina Milena, 2021