5 Libri Imperdibili Maggio 2021 – 5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia

5 Libri Imperdibili Maggio 2021 – 5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia

Imperdibili sotto le mura di Troia

5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia

di Altea Alaryssa Gardini

Buonasera a tutti, sembra che io non riesca a combattere contro il tempo. Lui si contrae laddove ne ho maggior bisogno e io sono sempre in ritardo. Ma mi faccio perdonare con un appuntamento Epico di 5 Libri Imperdibili: 5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia

Di recente ho letto un libro che ha dato voce a tanti pensieri senza forma che da qualche tempo si agitavano tra i miei pensieri su l’Iliade, su l’Eneide e l’intero mondo mitologico da esse creato.

C’è tutto un universo di storie popolari, di miti narrati sussurrandoli davanti al fuoco, di terrori che non hanno mai avuto una spiegazione specifica ma che prendevano forma solo al riecheggiare di alcuni personaggi che scuotevano campi di battaglia e menti.

Molte di queste storie sono convogliate all’interno di questi due poemi epici, fra cui annoveriamo anche l’Odissea per completezza di narrazione (non per simpatia nei confronti di Ulisse), la maggior parte di queste storie si sono cristallizzate in quelle opere, non le vedremo mai più perché si sono perdute.

Immaginate di perdere la vostra ombra: voi siete ancora gli stessi ma qualcosa sarà andato via per sempre e anche quel qualcosa era parte di voi. Anche questa è una delle forme della paura, giusto?

Leggendo il libro di cui vi parlavo, ospite degli Imperdibili sotto le mura di Troia, mi sono trovata a riconoscere le parole dell’autrice quasi come fossero mie. Altra forma di paura: qualcuno parlandoti dice le stesse cose a cui stavi pensando ma che non avevi il coraggio di dire ad alta voce. Terribile e meraviglioso al tempo stesso, vero?

Allora, volete avventurarvi con me, tra gli eserciti e le voci perdute della guerra più grandiosa e epica dell’antichità?

5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia, pronti?

Il canto di Calliope

Autore: Natalie Hayes
Editore: Sonzogno, 2021

Imperdibili sotto le mura di Troia

Una donna sola corre nella notte, intorno a lei la sua città che brucia.

Fuori dalle mura, la regina e altre sventurate attendono un destino che verrà deciso dai vincitori.

È la caduta di Troia.

Dieci interminabili anni di guerra sono giunti alla tragica conclusione, mentre le avventure dei protagonisti andranno a ispirare, nei secoli a venire, le opere di artisti e scrittori. «Cantami o Musa» invoca il sommo poeta Omero, che ha raccontato le gesta degli eroi.

Ma Calliope, musa della poesia epica, questa volta è meno accomodante: è convinta che non tutto sia stato narrato, che qualcosa di fondamentale, legato alle figure femminili, manchi ancora per completare l’affresco.

Se il bardo vuole che lei canti, allora lei canterà insieme a tutte le donne coinvolte nella grande tragedia. Dando voce a ciascuna di loro, Calliope prende in mano la storia e ce la racconta da una nuova prospettiva. Ecco Andromaca, Cassandra, Pentesilea, Clitennestra, che vengono alla ribalta, con i loro pensieri, con i complicati risvolti psicologici delle loro scelte, con la sete di vendetta, la solitudine, la dignità di fronte alla morte.

E poi tutte le altre, da Penelope a Briseide, da Creusa a Ifigenia, dalle troiane che, vinte, saranno rese schiave, alle greche che attendono il rientro dei loro uomini, senza dimenticare le capricciose divinità che governano le sorti dei mortali.

Attingendo alle fonti antiche, anche le meno note, Natalie Haynes rivisita una delle più grandi narrazioni di tutti i tempi, facendoci palpitare di commozione accanto alle leggendarie eroine, e trasmettendoci il sentimento vivo di come la guerra di Troia e la sua epopea appartengano alle donne non meno che agli uomini.

5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia, perchè?

Non lasciatevi incantare dalla copertina ammaliatrice.

Calliope non è qui per farvi vedere qualcosa che non esiste o che è stato taciuto per sfoderare del sano macismo.

Anzi, tutto quello che vedrete è sempre esistito, solo che nessuno si è mai preso la briga di arrivare a fare un semplice calcolo e arrivare ad una semplice deduzione: la guerra non coinvolge solo i grandi guerrieri, non è solo tra la sabbia o sotto al colpo fulmineo degli dei.

La guerra è nel terrore di ognuno che la mattina debba combattere, negli occhi dei bambini che sono diventati adulti con una guerra che infuriava fuori dalle porte della città, nelle mani di coloro che in guerra non ci sono mai stati ma che ne hanno pagato il prezzo.

Link all’acquisto:

Il silenzio delle ragazze

Autore: Pat Barker
Editore: Einaudi, 2019

Imperdibili sotto le mura di Toria

Quando Lirnesso viene conquistata dai Greci, Briseide, sopravvissuta al massacro della sua famiglia, viene portata via dalla città come un trofeo e consegnata ad Achille.

A diciannove anni diventa concubina, schiava, infermiera, assecondando qualunque necessità dell’eroe splendente.

Ma non è sola.

Insieme a lei innumerevoli donne vengono strappate dalle loro case e consegnate ai guerrieri nemici.

Ed è così che confinate nell’accampamento – e nella tenda di AchilleBriseide e le sue compagne assistono alla guerra di Troia e raccontano ciò che vedono.

Episodi entrati nel mito, ma anche quelli che non sono stati registrati dalle cronache ufficiali perché legati alla miserabile vita delle ragazze.

Da Agamennone a Odisseo, da Achille a Patroclo, da Elena a Briseide, Pat Barker racconta la guerra più famosa di tutti i tempi dal punto di vista delle donne.

5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia, perchè?

Questa volta non è una musa a mostrarvi cose che avreste già dovuto vedere ma Briseide.

Non la Briseide di Troy che era un pochino se stessa e un pochino Cassandra per il favore delle telecamere.

Come la copertina suggerisce qui sta per arrivarvi un pugno nello stomaco che difficilmente dimenticherete. La Sinossi di questo libro ha qualche pecca e se fosse unicamente per quella non avrei comprato il libro ma…

Briseide è prigioniera, schiava e concubina. Briseide imparerà anche che nella crudeltà c’è amore, follia, passione e qualcosa che è tenerezza.

Tutto il libro è basato su questo fortissimo contrasto. In fondo, chi saremo noi se Achille non fosse il primo a comparire nella storia di Troia di Omero? Ve lo siete mai chiesti? Io molte volte.

Link all’acquisto:

Il canto di Penelope

Autore: Margaret Atwood
Editore: Ponte alle Grazie, 2018

Imperdibili sotto le mura di Troia

Fedele e saggia, Penelope ha atteso per vent’anni il ritorno del marito che, dopo aver vinto la guerra di Troia, ha vagato per il Mar Mediterraneo sconfiggendo mostri e amoreggiando con ninfe, principesse e dee, facendo sfoggio di grande astuzia, coraggio e notevole fascino, e guadagnandosi così una fama imperitura.

E intanto che cosa faceva Penelope, chiusa in silenzio nella sua reggia?

Sappiamo che piangeva e pregava per il ritorno del marito, che cercava di tenere a bada l’impulsività del figlio adolescente, che si barcamenava per respingere le proposte dei Proci e conservare così il regno.

Ma cosa le passava veramente per la testa?

Dopo essere morta e finita nell’Ade, Penelope non teme più la vendetta degli dèi e desidera raccontare la verità, anche per mettere a tacere certe voci spiacevoli che ha sentito sul suo conto.

La sua versione della storia è ricca di colpi di scena, dipana dubbi antichi e suggerisce nuovi interrogativi, mettendo in luce la sua natura tormentata, in contrasto con la sua abituale immagine di equilibrio e pacatezza.

L’autrice di culto Margaret Atwood, con la sua scrittura poetica, ironica e anticonvenzionale, dà voce a un personaggio femminile di grande fascino, protagonista di uno dei racconti più amati della storia occidentale.

5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia, perchè?

La struttura della narrazione si basa sul teatro tragico di Euripide. C’è una vece narrate che è quella di Penelope e il coro che è composta dalle 11 ancelle che sono state uccise da Ulisse durante il massacro dei Proci.

Questo elemento mi è piaciuto molto come anche che Penelope finalmente avesse una voce sua e non il controcanto di quella del marito.

non mi è piaciuto affatto l’inserimento di un linguaggio fortemente moderno e di un taglio femminista un po’ troppo marcato. Il suono del canto di Penelope mi arriva come una voce distorta dall’autrice e non la verità denunciata da Penelope. Da una principessa di Sparta mi aspettavo molto di più che cliché che non le appartengono perché frutti di un epoca che non conosce.

Mi aspettavo più che cliché femministi da una autrice famosa per essere la narratrice precisa di storie che sono una spina nel fianco.

Link all’acquisto:

La canzone di Achille

Autore: Madeline Miller
Editore: Marsilio, 2019

Imperdibili sotto le mura di Troia

Dimenticate Troia, gli scenari di guerra, i duelli, il sangue, la morte.

Dimenticate la violenza e le stragi, la crudeltà e l’orrore.

E seguite invece il cammino di due giovani, prima amici, poi amanti e infine anche compagni d’armi – due giovani splendidi per gioventù e bellezza, destinati a concludere la loro vita sulla pianura troiana e a rimanere uniti per sempre con le ceneri mischiate in una sola, preziosissima urna.

Madeline Miller, studiosa e docente di antichità classica, rievoca la storia d’amore e di morte di Achille e Patroclo, piegando il ritmo solenne dell’epica alla ricostruzione di una vicenda che ha lasciato scarse ma inconfondibili tracce: un legame tra uomini spogliato da ogni morbosità e restituito alla naturalezza con cui i greci antichi riconobbero e accettarono l’omosessualità.

Patroclo muore al posto di Achille, per Achille, e Achille non vuole più vivere senza Patroclo.

Sulle mura di Troia si profilano due altissime ombre che oscurano l’ormai usurata vicenda di Elena e Paride.

5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia, perchè?

Questo libro si ammanta di uno degli stereotipi più antichi della storia: l’amore tra Achille e Patroclo. Credo che la loro liason abbia notorietà pari solo in quella di Alessandro Magno e Efestione.

In realtà in questa “etichettà” riduttiva dell’amore omosessuale c’è molto di più. Facciamo un esercizio, uno sforzo che sarà sicuramente più utile che sbeffeggiare gli stravolgimenti del vocabolario ad ogni piè sospinto, iniziamo a considerare le persone e non i sessi.

Per la cultura greca e romana (anche se con sfaccettature che qui non sto a disquisire perché non è una lezione di diritto antico) tutto questo era normale, talmente normale e accettato che ci ridevano su e si insultavano a vicenda senza che per questo diventasse una questione di stato.

Checché ne dica un libro molto più tardi di quelli di Omero o di Virgilio, l’amore tra lo stesso sesso è sempre esistito con buona pace di parecchia gente.

Questo libro è una storia struggente, un passo a due che rotola sempre più velocemente verso il destino e nessuno dei due protagonisti può fare nulla per fermarlo.

Questa è uno dei volti della paura: incontrare il proprio destino sul sentiero intrapreso per evitarlo.

Link all’acquisto:

Elena

Autore: Euripide
Editore: BUR, 1997

Imperdibili sotto le mura di Troia

Elena, la donna a causa della quale scoppiò la guerra di Troia, in realtà non è mai andata in quella città.

La dea Era aveva infatti creato “un fantasma dotato di respiro, fatto con un pezzo di cielo, […] un vuoto miraggio” (v. 34) in tutto simile ad Elena.

Il fantasma era andato con Paride a Troia, all’insaputa di tutti, mentre la vera Elena era stata nascosta da Ermes in Egitto, ospite del re Proteo.

Alla morte di Proteo, il figlio Teoclimeno insidia Elena, che rifiuta le sue profferte, anche perché la sorella di Teoclimeno, la sacerdotessa Teonoe (capace di vedere il futuro), le ha predetto che rivedrà il marito Menelao.

Elena sta pensando alla sua triste sorte, quando vede arrivare il messaggero greco Teucro.

Questi informa Elena che le navi con cui Menelao tornava da Troia verso casa sono state colpite da una tempesta, e che Menelao stesso è morto. (Sinossi tratta da wikipedia)

5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia, perchè?

Questa tragedia è l’emblema di come i miti possano essere come l’acqua: fluidi e plasmabili. Ognuno in epoca antica poteva raccontare la sua versione del mito e crearne una che insegnava la lezione che il suo autore voleva che il pubblico comprendesse.

Per quello che riguarda Euripide, la sua Elena, la lezione era qualcosa che riguardava la città di Atene ma al momento non è il fulcro del discorso nè il motivo per cui questo libro è qui.

Se Elena non fosse mai stata a Troia? Se tutte le colpe che gli furono imputate fossero state solo la follia messa in circolazione per nascondere ben altri interessi? Di conquista magari.

Ogni guerra ha una, nessuna e centomila facce. Non è facile comprenderla se non si ascoltano tutte le campane, vi pare?

Link all’acquisto:

Special Guest Book Star

Inserisco il libro di cui ho parlato nell’introduzione perchè lo conosciate e possiate capire insieme a me molte cose. Una di queste è: la verità è sotto al tuo naso e, se sentite rumore di zoccoli, forse quelli che arrivano sono cavalli non zebre.

La lezione di Enea

Autore: Andrea Marcolongo
Editore: Laterza, 2020

Imperdibili sotto le mura di Troia

Vi siete mai chiesti perché, pur avendo dovuto tutti leggere l’Eneide a scuola, fatichiamo a ricordare qualcosa che non sia la fuga da Troia o la grande storia d’amore tragico con Didone?

Perché abbiamo così facilmente dimenticato gli epici racconti sulle mitiche origini di Roma e del suo impero?

Forse perché i versi del poema di Virgilio non sono adatti ai momenti in cui le cose filano lisce e allora si va in cerca di avventura nella letteratura.

Il canto di Enea è destinato al momento in cui si sperimenta l’urgenza di raccapezzarsi in un dopo che stordisce per quanto è diverso dal prima in cui si è sempre vissuto.

Enea è l’eroe che vaga nel mondo portandosi sulle spalle anziani e bambini.

È colui che viaggia su una nave senza nocchiero alla ricerca di un nuovo inizio, di una terra promessa in cui ricominciare.

È l’uomo sconfitto, colui che non ha più niente tranne la capacità di resistere e di sperare. Un personaggio quanto mai attuale.

Special guest book star in 5 Libri Imperdibili sotto le mura di Troia, perchè?

Questo libro è la voce della mia e della coscienza di molti altri come me.

Enea, che viene accusato di ogni crimine dai letterati, è il solo a ricordarci che, in fondo, dietro a tutte le cortine di fumo e ai profili social, siamo umani e siamo degli sconfitti all’interno di una città che brucia e l’unica cosa che possiamo fare e alzarci e continuare a camminare sperando.

Vi siete persi altri appuntamenti degli imperdibili? Nessun Problema!

5 Libri Imperdibili a novembre 2020 – 5 Ombre d’autunno

5 Libri Imperdibili ad agosto 2020- 5 Imperdibili ma… perchè?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 12 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.